Intervista a Michele Fanton, Presidente e A.D. Fanton SPA

Settembre 2011

Cesare Ferretti incontra Michele Fanton, Presidente e Amministratore Delegato Fanton SpA.

Che cosa significa inserire Metel in un contesto multy market come quello della sua impresa?

Il settore principale della nostra impresa è quello del materiale elettrico, del cablaggio strutturato, dei cavi speciali e quindi ci rivolgiamo prevalentemente a questo mondo.

La mia opinione è che l’introduzione di Metel in contesti quali la ferramenta potrebbe risultare estremamente difficile, per mentalità e spirito organizzativo.

D’altro canto sono comparsi sul mercato operatori globali come Leroy Merlin, Bricoman, Bricocenter che rappresentano quote significative del mercato del bricolage italiano dove si fondono edilizia, idraulica, ferramenta, elettrico, arredo e credo che Metel dovrebbe aprirsi verso questi settori.

Queste imprese hanno molte filiali che scambiano dati e prodotti tra di loro e con i produttori e potrebbe essere utile anche per noi, che li serviamo, una razionalizzazione dei sistemi attraverso Metel.

Per me è oggi difficile quantificare i vantaggi di Metel in quanto, nel nostro caso, a causa delle numerose merceologie – anche differenti tra loro – non è possibile una standardizzazione delle condizioni commerciali applicate. L’andamento stesso dei costi delle materie prime ci costringe a repentini adeguamenti dei prezzi, soprattutto nei cavi, costringendoci ad interventi manuali che rallentano il processo.

Sintetizzando posso dire che Metel è per noi soprattutto uno strumento di fidelizzazione del cliente, nel senso che utilizzando uno stesso mezzo di comunicazione nel flusso di dati, velocizzando il servizio e per la maggiore qualità delle informazioni trattate ci permette di essere più adeguati alle richieste dei Clienti.

Notizie

Eventi

Case History & Tips